International Peace Festival a Capaci

Nella cornice del paese di Capaci (Palermo) si è svolto il 19 Maggio 2018 il “Festival Internazionale per la Pace”, una intera giornata dedicata a piantare il seme di una cultura dedicata a costruire pace ed armonia.

LEGGI TUTTO

II Diritto alla pace - Italia ponte di pace per un'Europa più forte e stabile

L'UPF e la WFWP hanno organizzato alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, al Senato, su proposta del senatore Rampi, un convegno

LEGGI TUTTO

Trofeo della Pace – 30 Giugno 2019

Cinquanta giovani, divisi in quattro squadre, si sono affrontati a colpi di goal in un torneo di calcio interetnico, per una giornata all’insegna della competizione e dell’integrazione tra giovani residenti su uno stesso territorio ma appartenenti a nazionalità, culture e tradizioni diverse...

LEGGI TUTTO

Mediterraneo ponte di pace

Presso la sala "Santa Maria in Aquiro" del Senato italiano il 13 Novembre 2019 si è svolto il seminario sul tema: "Mediterraneo Ponte di Pace: Cooperazione e Sviluppo Sostenibile nell’area del Mare Nostrum”. Hanno partecipato: politici, leader religiosi, ambasciatori, docenti universitari e leader della società civile.

LEGGI TUTTO

Incontro IAPD

per la cultura di pace

“L’occasione che ci vede oggi riuniti è la celebrazione di due grandi e significative ricorrenze delle Nazioni Unite, la “Giornata mondiale della fratellanza umana” e la “Settimana mondiale dell’armonia tra le fedi”.

LEGGI TUTTO

Incontro inaugurale IAPD

Prima di tutto dobbiamo rispettare le tradizioni delle altre religioni e prevenire il conflitto e la discordia tra le fedi; secondo, far sì che tutte le comunità religiose cooperino nel servire il mondo..

LEGGI TUTTO

Programmi Futuri

Donne tra le fedi, cammini di spiritualità nelle religioni - Monza 2011

Monza, 22 ottobre 2011

 

Sabato 22 ottobre 2011 a Monza, presso la Sala E dell'Urban Center, si è tenuto l'incontro interreligioso sul tema: “donne tra le fedi, cammini di spiritualità nelle religioni”.

Organizzato dalla UPF di Monza con la Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo, nell’ambito della rassegna, dedicata all'universo femminile, “ottobre in rosa” del Comune di Monza.


Lo scopo della serata era quello di portare, attraverso le singole personali testimonianze di fede, l'accento sul valore della spiritualità come bene comune, che trascende la stessa religione di appartenenza e quindi come approccio ed esempio positivo per la vita di tutti i giorni. All'incontro era presente un numeroso pubblico, che ha seguito con attenzione e sentita partecipazione tutti gli interventi.
Dopo i saluti di benvenuto, il coordinatore e presidente della sezione monzese della UPF, Carlo Chierico, ha chiesto di iniziare insieme con 30 secondi di silenzio, per prepararsi ed ascoltare anche con il cuore. Poi è intervenuta la giornalista Carlotta Morgana che nella sua introduzione ha affrontato il tema di una rinnovata esigenza di spiritualità, al di là delle credenze religiose di ognuno, declinata al femminile, in un'epoca in cui le donne sono viste soprattutto in versione materialista.

 

 


Simple Picture Slideshow:
Could not find folder /home/italia/domains/italia.upf.org/public_html/images/monza/donnefedi11

 


Quindi si sono succedute le varie relatrici, intervallate da alcuni momenti poetici a cura di Ettore Fiorina. La prima ad intervenire, con un collegamento via skype dall'India, dove era per un convegno, è stata l'Ambasciatrice di Pace Emi Blesio, che ha parlato della profonda spiritualità dell'induismo e della sua personale scoperta di questa religione. A seguire la scrittrice e poetessa Giulia Niccolai, diventata monaca buddista nel 1990, che a proposito della sua scelta monacale ha detto: “ non me ne sono mai pentita. Mi sento molto più libera di prima, senza ansietà né desideri o rabbia che causano costante sofferenza, avendo assaporato anche uno spazio e un tempo che corrispondono al concetto di eternità. Solo attimi che lasciano però una profonda gioia e meraviglia e una fede e gratitudine infinite”.
In rappresentanza dell'ebraismo, sono stati letti alcuni brani significativi di Yarona Pinhass, tratti dal suo libro “la saggezza velata. Il femminile nella Torà”. Poi è stato il turno delle amiche di fede cattolica Federica Salvioni e Claudia Cazzaniga. La loro scelta di fare una testimonianza a due voci è stata dovuta, secondo le parole di Federica: “al desiderio di rafforzare il senso del messaggio che vorremmo riuscire a trasmettere, quello di una spiritualità intesa come ricerca di autenticità condivisa, per vivere secondo lo Spirito di Gesù” e infatti la successiva testimonianza di Claudia sulla sua esperienza di psicoterapeuta ha espresso, attraverso strade differenti, il medesimo viaggio verso la Rivelazione e la possibilità di sperimentare la felicità.
E della sua profonda esperienza con Gesù ha parlato anche Angela Lombardo della chiesa cristiana evangelica, mentre Angela Pavanello ha parlato del suo percorso spirituale e di vita all'interno della chiesa di unificazione, fondata dal Rev. Sun Myung Moon, sintetizzando il suo cammino di fede nella frase: la capacità di amare con un Amore Vero e di essere finalmente portatrici di pace e speranza.
Un intervento a due voci anche per le rappresentanti di fede musulmana. Absatou Dioum, conosciuta come Abi a Monza, dove vive e lavora in qualità di mediatrice culturale, ha parlato della sua esperienza personale passata dalla tradizione musulmana del suo paese di origine, il Senegal, ad un paese occidentale come l'Italia. Wesam El Husseiny ha testimoniato del valore che ha per lei il velo, come l'indossarlo l'abbia portata ad avvicinarsi a Dio e poi ha parlato dei suoi studi e delle sue ricerche nel voler approfondire la religione islamica separandola dalla cultura araba, nel desiderio di voler capire il vero significato dell'Islam, in cui ha trovato quello che cercava: pace interiore e felicità, pur in mezzo a tante sfide e momenti difficili.
Al termine degli interventi, era palpabile l'atmosfera di gioia nell'ascolto che si era creata, e che è sfociata in un positivo momento di riscontro tra il pubblico e le relatrici, con le domande nel dibattito finale. In conclusione, l'incontro è piaciuto davvero molto, soprattutto perché ognuno ha voluto condivide qualcosa di estremamente personale con gli altri e questo fa ben sperare per altri incontri in futuro e magari, perché no, anche percorsi con attività da programmare insieme.

Sabato 22 ottobre 2011 a Monza, presso la Sala E dell'Urban Center, si è tenuto l'incontro interreligioso sul tema: “donne tra le fedi, cammini di spiritualità nelle religioni”.

Organizzato dalla UPF di Monza con la Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo, nell’ambito della rassegna, dedicata all'universo femminile, “ottobre in rosa” del Comune di Monza.
Lo scopo della serata era quello di portare, attraverso le singole personali testimonianze di fede, l'accento sul valore della spiritualità come bene comune, che trascende la stessa religione di appartenenza e quindi come approccio ed esempio positivo per la vita di tutti i giorni. All'incontro era presente un numeroso pubblico, che ha seguito con attenzione e sentita partecipazione tutti gli interventi.
Dopo i saluti di benvenuto, il coordinatore e presidente della sezione monzese della UPF, Carlo Chierico, ha chiesto di iniziare insieme con 30 secondi di silenzio, per prepararsi ed ascoltare anche con il cuore. Poi è intervenuta la giornalista Carlotta Morgana che nella sua introduzione ha affrontato il tema di una rinnovata esigenza di spiritualità, al di là delle credenze religiose di ognuno, declinata al femminile, in un'epoca in cui le donne sono viste soprattutto in versione materialista.
Quindi si sono succedute le varie relatrici, intervallate da alcuni momenti poetici a cura di Ettore Fiorina. La prima ad intervenire, con un collegamento via skype dall'India, dove era per un convegno, è stata l'Ambasciatrice di Pace Emi Blesio, che ha parlato della profonda spiritualità dell'induismo e della sua personale scoperta di questa religione. A seguire la scrittrice e poetessa Giulia Niccolai, diventata monaca buddista nel 1990, che a proposito della sua scelta monacale ha detto: “ non me ne sono mai pentita. Mi sento molto più libera di prima, senza ansietà né desideri o rabbia che causano costante sofferenza, avendo assaporato anche uno spazio e un tempo che corrispondono al concetto di eternità. Solo attimi che lasciano però una profonda gioia e meraviglia e una fede e gratitudine infinite”.
In rappresentanza dell'ebraismo, sono stati letti alcuni brani significativi di Yarona Pinhass, tratti dal suo libro “la saggezza velata. Il femminile nella Torà”. Poi è stato il turno delle amiche di fede cattolica Federica Salvioni e Claudia Cazzaniga. La loro scelta di fare una testimonianza a due voci è stata dovuta, secondo le parole di Federica: “al desiderio di rafforzare il senso del messaggio che vorremmo riuscire a trasmettere, quello di una spiritualità intesa come ricerca di autenticità condivisa, per vivere secondo lo Spirito di Gesù” e infatti la successiva testimonianza di Claudia sulla sua esperienza di psicoterapeuta ha espresso, attraverso strade differenti, il medesimo viaggio verso la Rivelazione e la possibilità di sperimentare la felicità.
E della sua profonda esperienza con Gesù ha parlato anche Angela Lombardo della chiesa cristiana evangelica, mentre Angela Pavanello ha parlato del suo percorso spirituale e di vita all'interno della chiesa di unificazione, fondata dal Rev. Sun Myung Moon, sintetizzando il suo cammino di fede nella frase: la capacità di amare con un Amore Vero e di essere finalmente portatrici di pace e speranza.
Un intervento a due voci anche per le rappresentanti di fede musulmana. Absatou Dioum, conosciuta come Abi a Monza, dove vive e lavora in qualità di mediatrice culturale, ha parlato della sua esperienza personale passata dalla tradizione musulmana del suo paese di origine, il Senegal, ad un paese occidentale come l'Italia. Wesam El Husseiny ha testimoniato del valore che ha per lei il velo, come l'indossarlo l'abbia portata ad avvicinarsi a Dio e poi ha parlato dei suoi studi e delle sue ricerche nel voler approfondire la religione islamica separandola dalla cultura araba, nel desiderio di voler capire il vero significato dell'Islam, in cui ha trovato quello che cercava: pace interiore e felicità, pur in mezzo a tante sfide e momenti difficili.
Al termine degli interventi, era palpabile l'atmosfera di gioia nell'ascolto che si era creata, e che è sfociata in un positivo momento di riscontro tra il pubblico e le relatrici, con le domande nel dibattito finale. In conclusione, l'incontro è piaciuto davvero molto, soprattutto perché ognuno ha voluto condivide qualcosa di estremamente personale con gli altri e questo fa ben sperare per altri incontri in futuro e magari, perché no, anche percorsi con attività da programmare insieme.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.